[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 483: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/bbcode.php on line 112: preg_replace(): The /e modifier is no longer supported, use preg_replace_callback instead
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/functions.php on line 4763: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at [ROOT]/includes/functions.php:3887)
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/functions.php on line 4765: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at [ROOT]/includes/functions.php:3887)
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/functions.php on line 4766: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at [ROOT]/includes/functions.php:3887)
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/includes/functions.php on line 4767: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at [ROOT]/includes/functions.php:3887)
Liriportal.flysalerno.net - Forum • Leggi argomento - [TOPIC UFFICIALE] Il Denaro
Board

[TOPIC UFFICIALE] Il Denaro

Tutti gli articoli sui vari organi di informazioni che parlano del "Costa D'Amalfi"

Re: [TOPIC UFFICIALE] Il Denaro

Messaggioda asessa » 23 dicembre 2010, 12:41

Non mi dire niente ma quest'articolo non parla di qsr. ..
Antonio Sessa - Presidente Associazione FlySalerno
Avatar utente
asessa
Amministratore
 
Messaggi: 8895
Iscritto il: 10 ottobre 2008, 9:31
Località: Salerno

Re: [TOPIC UFFICIALE] Il Denaro

Messaggioda BAe 146 » 23 dicembre 2010, 14:03

BAe 146
 
Messaggi: 351
Iscritto il: 10 ottobre 2008, 21:48

Re: [TOPIC UFFICIALE] Il Denaro

Messaggioda asessa » 2 dicembre 2011, 11:58

Difesa, immobili in vendita Nella regione15 presìdi
DI ENZO SENATORE – VENERDÌ 2 DICEMBRE 2011


La dismissione del patrimonio immobiliare del ministero della Difesa è uno dei primi interventi che il titolare della delega, l’ammiraglio napoletano Giampaolo Di Paola, annuncia nel corso dell’audizione alle commissioni competenti di Camera dei Deputati e Senato. Nei prossimi giorni gli uffici ministeriali avvieranno la fase di ricognizione dei beni e successivamente sarà realizzato un piano per la vendita e la concessione pluriennale ai privati. “Il ministero della Difesa – dice Di Paola – ha un patrimonio immobiliare che non può essere più gestito per cui bisogna procedere alla dimissione che oltre a portare benefici alla nostra struttura ci consente di garantire concreti vantaggi al Paese”. Per il momento quella del ministro è solo una intenzione programmatica che a breve però dovrà essere concretizzata “e opereremo in maniera funzionale agli interessi della collettività” precisa. Che la questione sia centrale nell’ambito della sua attività di Governo si capisce quando Di Paola, al cospetto dei parlamentari, parla della dismissione come “tema centrale al quale voglio dare una forte spinta perché l’interesse generale deve prevalere sul particolare.
Per velocizzare i tempi – chiosa – chiedo il vostro sostegno e supporto”. L’intervento sul patrimonio rientra nel più generale piano di riorganizzazione del ministero della Difesa sul territorio, azione che ovviamente interesserà anche la Campania. “Bisogna operare una riconfigurazione – rivela Di Paola – e ricondurre la Difesa su un piano di sostenibilità economica e operativa”.

LE DISMISSIONI
L’ultimo rapporto sui beni della Difesa da mettere in vendita o valorizzare risale a 3 anni fa. Da allora nessuna nuova azione è stata compiuta. In Campania all’epoca sono state inserite 15 strutture nell’elenco degli immobili da mettere in uscita dal patrimonio del ministero.
Tre le province interessate: Caserta, Napoli e Salerno. il numero maggiore di beni viene individuato proprio nel territorio partenopeo: a Napoli, per esempio, il ministero ha messo sul mercato l’ex arsenale, il fabbricato che in passato ha ospitato la centrale R.i.t.a. e la vecchia base logistica.
Nell’elenco figurano pure altri presidi importanti come il comprensorio logistico di Codola a Castel San Giorgio, in provincia di Salerno, e il vecchio deposito di munizioni “Sanduia” di Caserta. Completamente dismessa, fatta eccezione per l’aliquota in dotazione ai carabinieri, l’area di proprietà del ministero della Difesa sulla quale insiste parte dell’aeroporto di Salerno Pontecagnano.

Dismissioni: le strutture di proprietà del ministero
Caserta
• Deposito munizioni Sanduia
• Ex calzaturificio San Benedetto
• Mulino Aldifreda
Napoli
• Centro radio (Giugliano)
• Deposito nafta e servizi annessi(Pozzuoli)
• Ex alloggio fanalisti di Punta Imperatore (Forio)
• Ex arsenale (aliquota zona collinare)
• Ex base logistica
• Ex deposito carburanti P.o.l. (Casoria)
• Ex deposito P.o.l. (Pozzuoli)
• Ex punto di soggiorno a Punta Pioppeto
(Procida
• Fabbricato ex centrale R.i.t.a.
• Serbatoi acqua e nafta (Castellammare
di Stabia)
Salerno
Aeroporto (Pontecagnano Faiano, esclusa aliquota in uso ai carabinieri)
• Comprensorio logistico di Codola
(Castel San Giorgio)

L’ultimo rapporto sui beni della Difesa da mettere in vendita o valorizzare risale a 3 anni fa. Da allora nessuna nuova azione è stata compiuta. Per la Campania all’epoca sono state calcolate 15 strutture
Antonio Sessa - Presidente Associazione FlySalerno
Avatar utente
asessa
Amministratore
 
Messaggi: 8895
Iscritto il: 10 ottobre 2008, 9:31
Località: Salerno

Re: [TOPIC UFFICIALE] Il Denaro

Messaggioda BAe 146 » 15 giugno 2012, 7:30

Piano nazionale aeroporti:
recuperata Grazzanise
Di Enzo Senatore – giovedì 14 giugno 2012
Postato in: Pancia, Politica
L’annuncio del ministro passera: via libera al documento entro l’estate per il 2030 lo scalo di caserta dovra’ sostituire quello di Capodichino



--------------------------------------------------------------------------------

Il piano nazionale nazionale degli aeroporti sarà approvato prima della fine dell’estate. E’ quanto rivela il ministro dello sviluppo economico Corrado Passera a margine della presentazione del rapporto Enac 2011. Il documento seguirà le indicazioni contenute in uno studio sul sistema aeroportuale italiano e di fatto escluderà completamente il Mezzogiorno dagli scali di serie A.

Tre grandi Hub
I tre grandi Hub intercontinentali saranno infatti allestiti a Roma/Fiumicino, Milano/Malpensa e Venezia. Napoli/Capodichino, invece, è inserito in un elenco di tredici aeroporti definiti “strategici” che però beneficeranno di fondi per un totale di 11 miliardi di euro. Fabrizio Palenzona, presidente di Assoaeroporti, esprime un giudizio positivo sul piano.

Razionalizzazione
“Realizza un’importante opera di razionalizzazione – dice – attraverso scelte che possono apparire impopolari ma che sono del tutto necessarie”. Oltre Napoli gli altri approdi strategici sono Bari, Bergamo, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Genova, Lamezia Terme, Milano/Linate, Napoli/Capodichino, Palermo, Pisa, Torino. Sud ben rappresentato nell’elenco degli scali definiti “primari”: Alghero, Brindisi, Ciampino, Olbia, Trapani, Treviso, Trieste e Verona.

Caserta centrale
Il piano nazionale degli aeroporti assegna un ruolo importante allo scalo di Grazzanise, in provincia di Caserta. Entro il 2030, data di riferimento per gli estensori del programma di interventi, l’infrastruttura casertana dovrà sostituire Capodichino al quale potrebbe essere affidato un ruolo di collegamento intercontinentale con copertura del Mezzogiorno e dell’intera fascia Nord del Mediterraneo. Ipotesi che diventa quasi un obbligo visto che l’Enac stima, per l’Italia e quindi anche per Napoli, una crescita media annuale dei volumi di traffico aereo pari al 3,2 per cento. Insieme a Grazzanise il piano nazionale prevede anche la realizzazione di uno scalo a Viterbo, nel Lazio settentrionale ma comunque non lontanissimo dalla Campania, come alternativa a Fiumicino.

Salerno in bilico
L’aeroporto di Salerno/Pontecagnano entra nel piano come infrastruttura definita “di servizio”. In realtà il gruppo comprende scali considerati di serie B, per i quali bisogna decidere una destinazione funzionale con il resto del sistema.
La mappa comprende, Salerno a parte, Ancona, Aosta, Brescia, Bolzano, Comiso, Crotone, Cuneo, Foggia, Forlì, Lampedusa, Pantelleria, Parma, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rimini, Taranto. Lo scalo della seconda città campana potrebbe avere una dimensione riservata al turismo o ai voli privati e commerciali. Ma è tutto da decidere. O meglio, da apprendere visto che il piano è già pronto e ha ricevuto il via libera dei ministeri di sviluppo economico e infrastrutture e trasporti.


Il destino degli scali campani

• Grazzanise: scalo da completare, sostituirà Napoli
• Napoli/Capodichino: scalo strategico con prospettive di Hub internazionale
• Salerno/Pontecagnano: scalo di servizio
Il piano nazionale degli aeroporti assegna un ruolo importante allo scalo di Grazzanise: entro il 2030 l’infrastruttura casertana dovrà sostituire Capodichino

Il piano nazionale degli aeroporti assegna un ruolo importante allo scalo di Grazzanise: entro il 2030 l’infrastruttura casertana dovrà sostituire Capodichino


Salerno in bilico??? :shock:

Avete capito? Grazzanise dovrà essere completato entro il 2030!!!
BAe 146
 
Messaggi: 351
Iscritto il: 10 ottobre 2008, 21:48

Re: [TOPIC UFFICIALE] Il Denaro

Messaggioda dragonball » 15 giugno 2012, 7:52

Sbaglio o laPassera aveva detto che Napoli e Salerno dovevano essere complementari..che c'era un fururo per Salerno,ora esce fuori che QSR dovrebbe ospitare solo voli privati ....Grazzanise si farà solo perchè la camorra dovrà mangiare per i prox 15 anni !! Bravissimi..casalesi
dragonball
 
Messaggi: 588
Iscritto il: 10 ottobre 2008, 15:06

Re: [TOPIC UFFICIALE] Il Denaro

Messaggioda asessa » 15 giugno 2012, 8:32

Se uno legge il piano per bene si rende conto che non è come dice il giornalista :

Salerno nel piano viene indicato di servizio in quanto complementare a NAP, ovvero deve lavorare in sinergia con NAP che resta l'aeroporto principale della Campania fino a quando non sarà attivo Grazzanise che lo sostituerà.

Scali con sviluppo correlato
Sono gli aeroporti il cui sviluppo di traffico, in ragione dei condizionamenti e delle relazioni esistenti all’interno dei
bacini di utenza, deve essere correlato per rispondere con maggiore efficacia all'esigenza del territorio.
Si tratta in particolare dei seguenti aeroporti:
-Milano Malpensa, Milano Linate, Bergamo Orio al Serio, Brescia Montichiari, come riserva di capacità a lungo termine;
- Venezia, Treviso, Trieste;
- Pisa, Firenze;
- Roma Fiumicino, Roma Ciampino, Viterbo;
- Napoli Capodichino, Napoli Grazzanise e Salerno Pontecagnano;
- Bari, Brindisi e Taranto Grottaglie;
- Catania e Comiso;
- Palermo e Trapani.


Inoltre, sempre a pag.44 del documento aeroporti
scali con traffico cargo da attivare: Cuneo, Forlì, Napoli Grazzanise, Comiso, Salerno.

A pag. 46

Napoli Capodichino e Salerno costituiscono il polo dell'area campana, in cui Capodichino attualmente si
configura come scalo strategico fino alla realizzazione del nuovo scalo di Grazzanise, che assumerà nel medio periodo
il ruolo strategico di scalo principale del bacino campano, assorbendo il traffico delocalizzato da Capodichino


Sembra cosi semplice leggere eppure ci creano casi sopra...bha
Antonio Sessa - Presidente Associazione FlySalerno
Avatar utente
asessa
Amministratore
 
Messaggi: 8895
Iscritto il: 10 ottobre 2008, 9:31
Località: Salerno

Re: [TOPIC UFFICIALE] Il Denaro

Messaggioda dragonball » 15 giugno 2012, 14:32

Quindi falso allarme ? Quando sarà attivo Grazzanise, Capodichino chiuderà ?
Se è così sarà scomodissimo partire da Salerno per prendere un volo a GRazzanise..il City airport di capodichino era utile
Mah
dragonball
 
Messaggi: 588
Iscritto il: 10 ottobre 2008, 15:06

Re: [TOPIC UFFICIALE] Il Denaro

Messaggioda VolaVallo » 21 settembre 2012, 13:14

Vi riporto l'articolo di oggi:

Gestione, offerta di Gesac:
Niente bando, ci siamo noi

La Gesac Spa sarebbe interessata alla gestione dell’Aeroporto di Salerno. L’annuncio sarebbe contenuto in un messaggio recapitato oggi, con una lettera ufficiale, ai vertici dell’Aeroporto di Salerno da parte della società che gestice lo scalo di Capodichino e che ambisce a un controllo regionale di tutti gli aeroporti della Campania.
La missiva, inviata a tutti i soci dell’Aeroporto di Salerno, suona come un avvertimento ma pare anche essere dotata di solide fondamenta giuridiche. Adesso la parola passa al Cda del Consorzio che si sarebbe dovuto riunire proprio per decidere l’ipotesi di un bando pubblico per la gestione del Costa d’Amalfi.
VolaVallo
 
Messaggi: 109
Iscritto il: 28 gennaio 2011, 10:09

Re: [TOPIC UFFICIALE] Il Denaro

Messaggioda BAe 146 » 28 settembre 2012, 13:51

Nel piano nazionale aeroporti
una norma che favorisce Gesac


Di Redazione il Denaro – venerdì 28 settembre 2012Postato in: News, Pancia

Il futuro dello scalo di Salerno “Costa d’Amalfi” potrebbe essere deciso dal Governo attraverso il piano nazionale per gli aeroporti. Nel testo, infatti, l’Esecutivo sembra intenzionato a inserire una disposizione che di fatto favorirebbe il progetto di ingresso della Gesac nella gestione dell’infrastruttura salernitana. Un’anticipazione, in tal senso, l’ha fornita qualche giorno fa il sottosegretario al ministero dei Trasporti, Guido Improta, rivelando che tra le priorità del piano nazionale per gli aeroporti c’è l’incentivazione delle reti gestite da un unico soggetto. A questa norma potrebbe appellarsi facilmente Gesac, che ormai non fa mistero di puntare alla gestione dei due scali della Campania attraverso l’acquisizione dei diritti sul Costa d’Amalfi. Operazione che al momento è stata però bloccata dal consorzio Aeroporto di Salerno, che preferisce affidare la selezione del gestore a un bando internazionale.


Stanno arrivando i padroni????
BAe 146
 
Messaggi: 351
Iscritto il: 10 ottobre 2008, 21:48

Re: [TOPIC UFFICIALE] Il Denaro

Messaggioda asessa » 28 novembre 2012, 14:00

Capitali privati nel Costa d’Amalfi. Le domande entro il 7 dicembre
DI REDAZIONE IL DENARO – MARTEDÌ 27 NOVEMBRE 2012
POSTATO IN: NEWS

Conto alla rovescia per la privatizzazione dell”Aeroporto Costa d’Amalfi di Salerno. Il prossimo 7 dicembre scade il termine per la sottoscrizione di una quota di capitale del consorzio (oltre 2.200.000 euro di azioni pari a circa il 30 per cento), come previsto dal bando con il quale l’ente aeroportuale salernitano si apre alla partecipazione di capitali privati.
Sarà un primo banco di prova per comprendere davvero l’appeal che il Costa d’Amalfi esercita nei confronti degli investitori: siano essi società private, imprenditori, società di gestione (come la Gesac, data in orini per favorita) oppure fondi sovrani (come quelli cinesi). Nel frattempo i vertici del Consorzio attendono che il Governo conceda il placet definitivo per la pubblicazione del bando per la privatizzazione dello scalo. Lo scorso 28 ottobre è scaduto il termine per la restituzione del bando ma si tratta di una data non perentoria.
Antonio Sessa - Presidente Associazione FlySalerno
Avatar utente
asessa
Amministratore
 
Messaggi: 8895
Iscritto il: 10 ottobre 2008, 9:31
Località: Salerno

PrecedenteProssimo

Torna a Rassegna Stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Information

Chi c’è in linea

In totale ci sono 3 utenti connessi :: 0 iscritti, 0 nascosti e 3 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 254 registrato il 8 aprile 2020, 1:07

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti